Silvia

Silvia

26 ottobre 2018 Testimonianze

Dedico questa mia breve testimonianza a tutti i guerrieri della Fondazione Amor Onlus di Maria Guarino e a tutti i guerrieri che lottano per guarire e continuare a vivere.
Sono Silvia Volpi ed ho appena compiuto 47 anni. Sono un avvocato e prima di scoprire la malattia che mi ha colpita lavoravo senza sosta, dal lunedì al sabato e spesso anche la domenica, sembrava che il tempo non bastasse mai e finivo sempre per trascurare la mia vita privata, compresi i miei affetti.

Nell’estate dello scorso anno ho cominciato a sentirmi strana, in particolare avvertivo tanta confusione e dei giorni perdevo la cognizione di quello che dovevo fare, addirittura i miei familiari ed i miei amici mi raccontano delle cose che ho fatto o detto che io non ricordo assolutamente.
La situazione peggiorava sempre di più, tanto che il mio medico mi prescrisse le analisi del sangue e quando andai a farmi visitare perché il referto presentava diversi valori sballati, ha subito capito il problema e mi ha detto che la mattina seguente sarei dovuta andare presso il pronto soccorso del Policlinico di Tor Vergata, dove, dopo aver eseguito tutti gli accertamenti necessari, mi hanno ricoverata d’urgenza e dopo una settimana, esattamente il 20 dicembre 2017, mi hanno sottoposta ad intervento chirurgico al cervello per glioblastoma di IV grado.

Purtroppo dopo l’intervento, a causa della mia allergia a quasi tutti i farmaci, si è bloccato il midollo e le mie piastrine sono scese anche fino a 2.000 (il minimo è 150.000 e il massimo è 450.000), costringendo i medici a sottopormi a trasfusioni di sangue e di piastrine quasi tutti i giorni. Questa complicazione mi ha costretta a 40 giorni di ricovero ed ha comportato un notevole ritardo per la radioterapia e la chemio perché queste cure distruggono le piastrine. Tornata finalmente a casa, grazie a mia cognata Valentina che aveva contattato la Dott.ssa Margherita Luongo dopo aver letto su internet le testimonianze degli iscritti alla Fondazione Amor Onlus e degli effetti benefici della ozono terapia, ho iniziato a fare le applicazioni di ozono dal Dott. Franco Baldaccini a Roma e contemporaneamente ho iniziato a fare la dieta e a prendere gli integratori che la Dott.ssa mi aveva prescritto quando i miei fratelli e mio zio erano andati a Pozzuoli a conoscerla.
Il percorso è stato lungo e faticoso e, purtroppo, ancora non è finito, però stanno arrivando dei bellissimi risultati, infatti la pet metionina è risultata negativa.
Sembrerebbe che la lesione si stia cicatrizzando e che il male non sia più attivo e le piastrine finalmente sono risalite a 113.000, come risulta dal referto che ho ritirato ieri. Tra l’altro l’oncologo mi ha dimezzato la dose di cortisone giornaliera e probabilmente a breve me lo toglierà del tutto.

Sono felicissima e voglio dirvi che non dobbiamo mai abbatterci e che dobbiamo continuare a lottare anche quando lo sconforto sembra prendere il sopravvento.
Io ho avuto la fortuna di essere circondata da persone eccezionali che mi hanno dimostrato un amore infinito e mi hanno dato tanta forza, mi ferisco ai miei familiari e ai miei amici, e soprattutto a mio zio che in tutti questi mesi mi ha accompagnata dappertutto. Ma un grazie speciale lo devo a tutti i professionisti che mi hanno seguita a cominciare dalla nostra Dott.ssa Margherita Luongo, che non solo mi ha dato l’opportunità di seguire questo percorso, ma mi ha anche messa in contatto con bravissimi professionisti, in primis il Dott. Franco Baldaccini dal quale ho fatto e sto continuando a fare le applicazioni di ozono terapia.

Grazie a tutti gli angeli che mi hanno sostenuta e che continuano a sostenermi.